News

Resta sempre aggiornato su tutte le novità nel campo delle telecomunicazioni

Costi di disattivazione e costi per recesso:

16/01/2018

Quali sono le differenze?
Chiunque abbia dato disdetta da un contratto telefonico si sarà sicuramente imbattuto in queste due voci, spesso poco chiare.

Partiamo con il precisare che costi di disattivazione e costi di penale per recesso anticipato sono due voci differenti, nonostante siano entrambe addebitate in seguito alla disdetta di una linea telefonica.

Il decreto Bersani,  convertito in legge n. 40/2007, stabilisce, per gli utenti di contratti di telefonia fissa e mobile, la facoltà di recedere o trasferire le proprie utenze ad altro gestore senza vincoli temporali e senza spese non giustificate da costi dall’operatore. I costi sostenuti dall’operatore per la chiusura del contratto e disabilitare la linea sono appunto i cosiddetti costi di disattivazione o costi di dismissione servizi.

L’importo addebitato a titolo di costi di disattivazione può variare dai 26 ai 99 euro, a seconda del gestore telefonico, del tipo di servizio da disattivare e che si tratti di migrazione o cessazione completa dell’utenza.  

Ogni operatore telefonico è tenuto a prospettare tali costi all’utente e indicarli all’Agcom (Autorità Garante per le comunicazioni) che deve approvarli e vigilare sulla corretta applicazione.

Tali importi quindi vanno corrisposti al gestore al momento della chiusura del contratto telefonico, a differenza delle penali per recesso anticipato, che costituiscono un addebito illegittimo.

E’ pero importante sapere che ci sono casi in cui, al momento della disdetta di una linea telefonica, non si è tenuti al pagamento né della penale per recesso anticipato né dei costi di disattivazione del servizio. Questi casi sono 2, ovvero:

-         Disdetta in seguito a comprovati e ripetuti episodi di malfunzionamento del servizio

-         Disdetta in seguito a variazione unilaterale delle condizioni contrattuali da parte del gestore.

In entrambi i casi è opportuno motivare la disdetta al gestore indicando chiaramente la causale tra le due sopraindicate e allegare eventuali documenti di prova.


Hai qualche dubbio o difficoltà nel verificare se gli importi addebitati in fattura siano corretti?

Contattaci per una consulenza gratuita o allega la tua fattura qui:

http://www.conciliazioni.net/analisi-bolletta

 

 


Tutte le news per la categoria: Fatturazione